PULP ALPESTRE (La canzone in cui me nono Marino incontra Satana)

from by Felix Lalù

/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.

      name your price

     

lyrics

Chesta l'è na storia vera, tuti i sa come che la'è scomenzada, ma n'zun sa come che l'è nada per dal bon. El dì de Feragost su a Flaon me nonno Marino Chet l'è a ciasa, me nona la seita a darge da dir. La ge dis che l'è en blodec, che ‘l ge lagia le mudande onte sota ‘l let, che 'l ge porta locia fin su n'la cosina. Chel Marino l'è strac come n'asen, ma pur de no sentirla el zapa su 'l Same e 'l pasa for en ciampagna al Dos del Luc.
Fora 'l zièl l'è neger come en spoz, l'ha zust parà fuer en plover, ma 'l poros taciar a puever amò prest. Entant, el toneza. Me nono Marino l'ariva en ciampagna can che TATAAAM, ven zo 'n sflantùzem. Me nono el vet na nugola ‘n fum e 'l dis: che ciavada! Ha zapà fuec en golden.
Ma g'è vergot che se mou en la nugola: ven fuer n'om, tut spozà, brut come l'an de la fam. con en forcon de leign en man. Ci ses po ti?, fa chel Marino Me cognoses no, Marino? Son la Mort Embriagia, Porco Digos! No sta blestemar sul me ve no, orpo non! Se sa ben che blestemi, Marino, l'è el Diàol che me manda... O mostro, ge fa me nono. Sì, Marino, la sas ben ca storia col bis e 'l pom. Al diaol ge plas i pomi: el m'ha domanda de portarge la Val de Non par marenda. E che centrite mi po'? Ge fa me nono Ti Marino ses en sant. Es bon come el pan, as laorà tua la vita ala Ignis, e po ancia 'n ciampagna, e te le ses sentude davanti e didré. E ogni bot che che as fat l'è sta laorar amò de pu. Se non ses en sant ti? Zust al vers alora, dage na man a sto por om, valà, che g’è en mucel de rami da ‘mpontar. Tasi zo, ti vecel! El me capo l'è ndiaolà e ades cogni coparte co sto tricorno ci e po plantarlo 'n tera per consegnar la val al Diaol. Me nono l'è ciavà. El già 'n forcon a doi dedi dala panza e no'l sa che far. Ma gen ven en ment una e 'l fa: Varda la poiana, su n'tel ziel! El dugo el varda su e me nono el ge mola en peadon n'tei seseri. El ge ciava el forcon e 'l fa per s-ciampar. Ma me nono l'è vecel e l'osteoporosi l'è piezi de Satana. Con ca peada el s'è spacà na giamba. Ma 'l pensa: Vara che sti ani con na giamba spacada pasaven fora tut el dì 'n ciampagna e vara che nare. Sichè el sauta sul Same, co la giamba spacada el sghiza la frizion, el met carta direta, el pasa vía de bala vers ciasa, enfugià come en bis, con chel auter che el spanteza didrè con na man sule bale. A ciasa el fa zust en temp a zapar el segot e 'zontar via 'n dent al forcon. Chel auter el vet el tricorno spacà, el se met le man 'n ti ciavei, ge veign en colp e 'l se smigola en te na poza de locia. Ariva me nona la gi crida Marino, che el po tut sto gazer? Varda chel che as fat? Ge locia per tut le s-ciale! Me nono el grigna, el pasa fora con na giamba a strozion e prima che ca Lina la se n'ascorzia che 'l gia la giamba spacada, l'emplanta zo 'l forcon sota 'l ram de’n pomar e 'll dis: Vardela ci, ca ponta che me serviva.

TRADUZIONE IN ITALIANO
Questa è una storia vera. Tutti sanno com’è cominciata, ma nessuno sa com’è andata veramente. Il giorno di Ferragosto mio nonno Marino Chet è a casa, mentre mia nonna continua ad assillarlo. Gli dice che è un lurido, che
lascia sotto il letto le mutande sporche, che porta fango in casa, finanche in cucina. Marino è stanco morto, ma pur di non sentirla inforca il Same e parte verso i campi sul Doss de Luc’. Fuori il cielo è plumbeo, ha appena smesso di piovere, ma potrebbe ricominciare presto. Intanto, tuona.
Mio nonno Marino arriva nel campo quando... TATAAAM, scende un fulmine. Mio nonno vede una nuvola di fumo e fa: Disdetta! Un melo golden ha preso fuoco! Ma c’è qualcosa che si muove nella nuvola: ne esce un uomo, infangato, bruttissimo, con un forcone di legno in mano.
Chi sei? Chiede Marino. Non mi riconosci, Marino? Sono la Morte Ubriaca, diavolo d’un cane! Non azzardarti a bestemmiare sulla mia proprietà, perdiana! Bestemmio quanto voglio, Marino! È il Diavolo che mi manda... Perbacco! Replica mio nonno. Sì, Marino, la conosci la storia del serpente e della mela. Al Diavolo piacciono le mele: mi ha chiesto di portargli la Val di Non per merenda. E cosa c’entro io? Chiede mio nonno. Tu, Marino, sei un santo. Sei un pezzo di pane, hai lavorato tutta la vita alla Ignis, oltre a coltivare i campi, e sei stato criticato da più parti, e ogni volta quel che hai fatto è stato lavorare di più. Se non sei un santo tu... Ottimo, allora, dai una mano a questo povero vecchio. Devo mettere dei bastoni per sostenere i rami. Zitto, vecchio! Il mio capo è indiavolato, e adesso devo ucciderti con questo tricorno e poi piantarlo a terra per consegnare la Valle al Diavolo. Mio nonno è messo all’angolo.. Ha un forcone a due dita dalla pancia e non sa cosa fare. Ma all’improvviso esclama: Guarda una poiana, su in cielo! Lo stolto guarda su, e mio nonno gli sferra un calcio nelle biglie. Gli sfila il forcone dalle mani e fa per scappare. Ma mio nonno è vecchio, e l’osteoporosi è peggio di Satana. Con quel calcio s’è rotto una gamba. Ma pensa: Una volta con una gamba rotta si usciva comunque nei campi, e ci si dava da fare. Quindi salta sul Same, con la gamba rotta pigia la frizione, ingrana la quarta direttamente e sgomma schizzando verso casa, mentre l’altro lo rincorre ansimando con una mano sul pube. Giunto a casa fa giusto in tempo a tagliare un corno del forcone. L’altro vede il tricorno rotto, si mette le mani nei capelli, gli viene un colpo e si sbriciola in una pozzanghera di fango. Arriva mia nonna e lo sgrida: Marino, cos’è questo casino? Guarda cosa hai combinato! Le scale sono piene di fango. Mio nonno ridacchia, esce di casa claudicante e prima che Lina si accorga che ha una gamba rotta, pianta il forcone sotto il ramo di un melo e dice: Eccolo, il sostegno che mi serviva.

credits

from Coltellate d'affetto, released March 15, 2016
Testo: Marco Fiemozzi
Arrangiamento: Felix Lalù

Felix Lalù: chitarra, voce, fischietto per uccelli, sax di plastica, kazoo, kaossilator, fischi, thunder drum
Jacopo Broseghini: moog
Michael “Pero” Pancher: batteria
Mirko Marconi: chitarra elettrica

tags

license

about

Felix Lalù Trento, Italy

Felix Lalù nasce e cresce in mezzo ai veleni delle mele della Val Di Non. Scende dalle montagne e a impararvi delle canzoni che vi ritroverete e a canticchiare il giorno dopo mentre fate le peggio cose. Un discreto cantastorie di storie deviate, una via di mezzo tra Paolo Conte e Metal Carter.
È disponibile per battesimi e feste di compleanno, ma solo se non tenete granché ai vostri figli.
... more

contact / help

Contact Felix Lalù

Streaming and
Download help